Comunicare un sì – Contro la retorica dei risparmi

Di Corrado Schininà - Non mi aspettavo che nel dibattito sulla Costituzione spuntasse l’argomento dei costi. Se si fosse trattato di tagliare i vitalizi, i privilegi da ancien régime di cui dispongono i parlamentari e di dimezzare i lauti compensi degli onorevoli, la questione dei costi avrebbe meritato una piccola menzione di lode. Invece no. La riforma prevede una Camera dei Deputati invariata, sia per quanto riguarda la composizione, sia per quanto concerne vitalizi e privilegi, e un Senato composto da 95 amministratori locali senza indennità (più 5 senatori nominati dal Presidente della Repubblica).

Già Renzi nel 2014 affermava di poter risparmiare circa cinquecento milioni con l’abolizione del Senato. In realtà, i dati reali ci parlano di circa cinquanta, al massimo sessanta milioni. Un po’ troppo pochi per assurgere la questione dei costi a motivo per votare sì. A maggior ragione se pensiamo che i tagli riguardano solo il Senato.

Ma, a prescindere da ciò, quando si parla di materie costituzionali e sociali non credo che l’argomento dei costi sia di primaria importanza. Se dovessimo seguire la logica dei risparmi, allora perché non adottare la dittatura? Così sarebbero aboliti in toto tutti i meccanismi di controllo costituzionale che, per ovvie ragioni, hanno i loro costi.

Ripeto, se ad essere dimezzate fossero state le indennità di entrambe le camere e fossero stati aboliti i vitalizi e i privilegi (e non gli stipendi di novantacinque teste), avrei ritenuto la questione dei costi come un piccolo fatto di grande rilevanza morale, ma pur sempre un piccolo fatto. Invece di un “taglio morale” non si può parlare: la Camera conserva ciò che le dovrebbe essere tolto e il Senato rimane sguarnito di un po’ tutto. Da seconda camera, Palazzo Madama sta diventando camera secondaria, come ha affermato qualcuno.

Qui si parla di Costituzione, si sta discutendo del delicatissimo equilibrio dei poteri: davanti alla questione dei costi ci sono temi molto più prioritari.

Fonti:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/02/renzi-via-i-senatori-un-miliardo-di-tagli-alla-politica-ma-non-e-vero/970222/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/09/riforme-il-documento-della-ragioneria-che-smentisce-la-boschi-nuovo-senato-risparmio-del-9/2811849/

Le rubriche

IDEE A CONFRONTO

Contributi e riflessioni

   
FLUSSI DI COSCIENZA

di Corrado Schininà

   
DIPENDE DA TE

di Simone Digrandi

   
PILLOLE DI CULTURA
Autori, eventi, recensioni